venerdì 10 novembre 2017

Arte di Kei Ookubo

Si è da poco concluso il Lucca Comics, una delle fiere più importanti in Italia, se non proprio la più importante. È consuetudine, in fiere così grandi, portare tot volumi in anteprima, anche se non è questo il caso di Arte di Kei Ookubo (è infatti uscito a fine mese scorso ma ho preferito aspettare la fiera per prenderlo xD), un seinen dal taglio storico ambientato durante il Rinascimento italiano a Firenze.


Firenze, XVI secolo, la culla del Rinascimento, il luogo in cui l'arte fiorisce. In un angolino della città inizia il viaggio di una ragazza; ella sogna di diventare un'artista, sogno impossibile per una ragazza di famiglia nobile. Di questi tempi l'arte è infatti appannaggio degli uomini e le donne si trovano a dover affrontare molte discriminazioni. A dispetto di ciò, Arte continua ad inseguire il suo sogno con positività.

Nonostante non sia proprio accurato storicamente, per quel poco che comunque si può leggere nel primo volume, questo titolo mi ha subito colpita. Il disegno non è proprio quello che mi sarei aspettata da un fumetto storico, sarà anche che sono abituata ai tratti tipo Vagabond o Cesare; qui invece il tratto è molto più dolce e smussato.
Anche la protagonista non è esattamente quello che si potrebbe trovare a Firenze in quel periodo, ha un carattere assai irruento e non ragiona come farebbe una nobildonna, ma con la sua semplicità riesce a conquistare il lettore.
Possiamo affermare che questo manga è un viaggio di formazione di una donna che ha deciso di vivere seguendo le sue leggi e le sue passioni, diventare una maestra di bottega per poter dipingere e avere così la sua rivalsa sulla società. Tutto questo grazie all'aiuto del Maestro Leo, che non ho ancora ben capito se sia un giovanissimo Leonardo da Vinci, o semplicemente un richiamo al famoso personaggio storico.
Sul sito dell'editore italiano, Panini Comics, è disponibile l'anteprima del primo capitolo, così che gli interessati possano farsi un'idea, seppur minima, del manga. --> *Arte ch. 1*

Il manga, attualmente ancora in corso in Giappone, conta 7 volumi ed è in corso dal 2013 per la Tokuma Shoten, famosa per Hokuto no Ken e Angel Heart.

Suppongo farò altri piccoli post per descrivere un po' quello che ho deciso di acquistare a Lucca Comics e le mie impressioni, per adesso posso dire che questo titolo è entrato sicuramente a far parte delle nuove chicche che comprerò, non vedo infatti l'ora di poter leggere il secondo volume.

Black.

domenica 27 agosto 2017

Given finalmente in Italia!!!

Ormai la notizia è vecchia ma mi è venuta voglia di scrivere qualcosa e perché non parlare di questo progetto che io amo?!
Given è l'opera di esordio di Kizu Natsuki, meglio nota (grazie alle sue favolose dj) come Gusari. Il manga, in corso dal 2013, conta attualmente di tre volumi, ma credo che raggiungeremo facilmente i quattro, se non i cinque totali.


Il manga racconta le vicende di Uenoyama, un liceale con la passione per la musica, e del suo incontro con Mafuyu, un suo compagno con un passato non troppo felice alle spalle. Questo incontro porterà i due ad instaurare un'amicizia sempre più forte, grazie anche al legame della musica, fino a sfociare in qualcosa di più tenero e dolce.

E chi se non la Flashbook poteva portarci in Italia in cartaceo un manga così bello?
Dopo Hidamari ga Kikoeru (che consiglio a tutti), un'altra perla rara entra a far parte del parco titoli di questa casa editrice italiana che non mi sta affatto deludendo, anzi, direi proprio che l'adoro.

Vi allego la trama del manga, per chi già non lo conoscesse.

"Uenoyama, liceale annoiato i cui hobby sono suonare la chitarra elettrica e giocare a basket, si crogiola in fugaci sonnellini durante le pause pranzo o tra una lezione e l'altra, ed è proprio recandosi nel suo luogo segreto per schiacciare un pisolino che un giorno ci trova il bello addormentato Mafuyu, abbracciato a una chitarra Gibson.
Scambiando qualche battuta con il sonnecchiante vicino di classe, Uenoyama si ritrova ad accettare, seppur controvoglia, di sostituire una corda rotta allo strumento musicale. Non solo. Mafuyu, notando l'abilità del ragazzo, gli chiede di insegnargli a suonare. Incuriosito dall'aura misteriosa e dalla stranezza del compagno, Uenoyama ne è in qualche modo attratto, tanto da invitarlo ad unirsi alla sua band subito dopo averlo sentito cantare, percependo in lui un grande talento. Purtroppo però, Mafuyu sembra soffrire di un trauma che gli impedisce di esprimersi liberamente e la proposta del compagno viene rifiutata con decisione."

Given è un manga spettacolare, che affronta varie tematiche, non è il solito BL trito e ritrito. Ve lo consiglio dal profondo del cuore, perché la Natsuki riesce coi suoi personaggi ad entrarti dentro e a conquistare di diritto un pezzo del cuore di ognuno di noi.
Sull'onda di tutti questi bellissimi titoli non vedo l'ora di vedere cos'altro avrà in serbo per noi la Flash *^*

Black.

mercoledì 12 luglio 2017

Ten Count in Italia per la J-Pop


Ieri si è svolto a Milano un pre-evento per l'uscita di Killing Staling (webcomics coreano di Lezhin, ideato da Koogi). Durante l'evento, oltre alla messa in palio di tre autografi della Sensei (autografo che io vorrei dal profondo del mio cuoricino), la J-Pop ha fatto un annuncio che farà contente moltissime persone.




Parlo infatti dell'uscita, per il mercato italiano, di Ten Count, serie attualmente in corso della Sensei Rihito Takarai ("Solo i fiori sanno... e Seven Days editi per la Flashbook), con all'attivo 5 volumi in patria.

Un ragazzo, affetto da una fobia che gli impedisce di avere ogni tipo di contatto con altri esseri umani, riceve l'offerta d'aiuto di uno strano psicoterapeuta che vorrebbe assisterlo nel suo ritorno verso la normalità... ma quali saranno le sue vere motivazioni? Che tipo di rappoto cerca, e cosa lo spinge ad avvicinarsi a lui? 

Sinceramente questo annuncio mi ha un po' sorpresa, ma alla fine la J-Pop sembra stia portando tutti i BL un po' più controversi sulla piazza. Badate bene che non sto parlando di KS, che a mio avviso non è considerabile del tutto BL, ma di Super Lovers. Questo manga affronta infatti tempi un po' spinosi, diciamo.
L'uscita di Ten Count dovrebbe essere prevista per l'autunno, suppongo per Lucca Comics 2017 a questo punto.

Sulla pagina fb dell'editore è disponibile un video in live dove viene fatto l'annuncio e dove si può vedere lo svolgersi dell'evento.
Io ammetto che non ho mai letto Ten Count xD Shame on me, lo so. Vedrò di recuperarlo in cartaceo appena uscirà.

Black.

(Foto prese dalla pagina dell'editore J-Pop)

domenica 2 luglio 2017

Recensione: "Bruto" di Kim Fielding

Ormai è passato quasi un anno da quando ho scritto l'ultima volta, quindi sperando di ritornare un po' più attiva (me lo riprometto sempre ma non ci riesco mai XD), vi lascio una nuova mini recensione di una delle mie ultime letture.
Questo libro mi ha sempre molto ispirato e alla fine sono riuscita a leggerlo e devo dire che l'ho adorato dall'inizio alla fine. Parlo di "Bruto" di Kim Fielding, uno storico dalle tinte fantasy.


 Bruto conduce una vita solitaria in un mondo dove la magia è all’ordine del giorno. È un gigante di due metri e trenta di bruttezza e dai natali ignobili. Nessuno, incluso Bruto, si aspetta che lui sia più di un operaio. Ma gli eroi si presentano in tutte le forme e dimensioni e, dopo aver subito una mutilazione per salvare il principe, la vita di Bruto cambia bruscamente: è chiamato a servire al palazzo di Tellomer come guardia per un singolo detenuto. Sembra facile, ma si rivela essere la sfida della sua vita.
Le voci di palazzo dicono che il prigioniero, Gray Leynham, sia uno stregone e un traditore. Quel che è certo è che ha trascorso anni nello squallore: cieco, incatenato, reso quasi muto da una balbuzie estrema. Sogna la morte della gente, e quei sogni si avverano.
Mentre Bruto si abitua alla vita di palazzo e comincia a conoscere Gray, scopre anche il proprio valore, in primo luogo come amico e uomo, poi come amante. Ma Bruto impara anche che gli eroi, a volte, devono affrontare scelte difficili e che fare ciò che è giusto può portare nuovi pericoli.


Come ho già scritto sopra, mi è piaciuto veramente tanto.
Scritto bene e tradotto quasi bene, ho trovato qualche errore, ma non ha influito molto.
La storia è ben strutturata e quello che mi ha sorpreso, diversa dal solito!
La storia d'amore è lenta e ben approfondita ma circondata da tutto un background che si trova difficilmente in altri libri del genere m/m.
Ho apprezzato molto l'espediente di cambiare l'appellativo al protagonista a seconda di quanto si sentisse amato e apprezzato dagli altri; Bruto infatti non è il suo vero nome, ma una specie di nomignolo che gli è stato dato dagli abitanti del suo villaggio.
La storia con Gray mi ha commossa, quei 10 anni in "cattività" sicuramente hanno reso anche il mago una persona diversa, gli hanno fatto capire cos'è fondamentale nella vita.
Bellissimo quando scappano e la paura di Gray di mettere il suo amore nei guai, lo spirito di sacrifico di entrambi *^*
Il senso di possessività che sviluppa Gray è qualcosa di veramente dolce, il fatto che voglia toccare così tanto spesso il suo Aric (vero nome di Bruto) per marcare il territorio me l'ha reso super simpatico, non è solo qualcuno indifeso chiuso in cella e incatenato, l'amore per il suo gigante l'ha fatto rifiorire e tornare un essere umano e un uomo in tutto e per tutto.
Sarei stata curiosa di leggere un po' la storia di Maud e Friddy, magari un sequel, chissà xD


Un post breve ma intenso, spero xD
Se ne avete l'occasione leggete questo bel libro e spero di averlo presto in cartaceo nella mia collezione *^*


Black.